Sono stato molto contenta di poter osservare da vicino la sfilata di Giorgio Armani andata in scena nella quinta giornata di Milano Moda Donna, dedicata alle collezioni per la Primavera-estate 2023.La passerella è caratterizzata da canne dorate di bambù e ai motivi mandala che si stagliano sui pezzi più preziosi, ricamati di perline e cristalli.

L’oro è preponderante infatti molti Riflessi gold punteggiano i look e si fanno dettaglio, oppure li rivestono da capo a piedi, introdotti nelle trame dei tessuti così come sugli accessori. Non solo oroma anche luminosità e luce pura per abiti liquidi che puntano sulle lunghezze, come comete: spolverini leggeri, giacche fluide, pantaloni sarouel, gonne midi impalpabili e long dress da sera da riutilizzare anche di giorno, con un paio di sandali in cuoio flat. L’oro si mischia con il viola e il blu inchiostro; e l’ispirazione all’Oriente è preponderante.

Giorgio Armani – Irina Shayk

La scelta del teatro mi ha lasciato perplesso, in una città ricca di monumenti eterni come il Castello Sforzesco, si avrebbe potuto optare per una location più all’altezza, come in passato quando Giorgio stupì tutti con la scelta dell’aereoporto.

Lo stilista che usa il nero per eccellenza, porta una collezione come sempre elegante e raffinata, capace di mettere in risalto la bellezza e l’unicità di ogni donna. Vengono scelti dei capi morbidi e fluidi, che lasciano al corpo libertà di espressione e di movimento allo stesso tempo.

Posso dire che anche in questa sfilata, il tocco di Armani, è riconoscibile, si da distinguere, perché Re Giorgio è ostinatamente coerente con se stesso, con la propria estetica e con la propria storia, ed è forse proprio questo il segreto del successo di questa collezione. Guardando gli abiti si nota come l’intramontabile contrasto bianco e nero rinfreschi il guardaroba con una proposta nuova e versatile, impreziosita da intrecci e trasparenze, per look disinvolti, femminili e audaci.

Questa volta si fa notare in passerella anche il colore blu, declinato nelle sue sfumature e nelle sue varianti, diventando colore protagonista della Collezione Primavera Estate 2022/23. Da sempre colore caro alla maison, in grado di donare un’eleganza sofisticata unica.

Si percepisce che disegna i suoi abiti immaginando una donna che corrisponde appieno al suo ideale di donna, leggero e aggraziato, fluido e pratico, impalpabile ma così concreto. Elegante ma non in modo sfacciato, chic ma senza ostentazioni esagerate. Infatti vedendo gli abiti sfilare, si notano proposte fresche ma femminili, in cui spicca l’estrema versatilità della proposta donna: outfit e total look perfetti per accompagnare in ogni impegno della giornata.

Eleganza e versatilità: due aggettivi che sembrano distanti ma che creano una simbiosi perfetta nei look della Collezione Autunno Inverno.

A cura di Benedetto Giuliano

 

Articolo precedenteAscona: da borgo di pescatori a località mondana
Articolo successivoRistorante Al Braciere… Gourmet Experience da “incanto” sul Lago Maggiore