La Casa di Crewe ha presentato la Bentley Bentayga Speed facelift, variante hardcore del restyling del SUV inglese. Dopo aver aggiornato il proprio SUV, la Casa di Crewe presenta ora la Bentley Bentayga Speed faceliftvariante hardcore del restyling della Bentley Bentayga e che si posiziona al vertice della proposta crossover del marchio inglese forte di inediti contenuti e di un motore altamente performante.

ELEMENTI ESTETICI CARATTERISTICI – Gruppi ottici oscurati, spoiler posteriore maggiorato, paraurti ridisegnati, cerchi in lega da 22” (proposti in doppia finitura), terminali di scarico ovali e inedite minigonne caratterizzano l’appeal estetico della Bentley Bentayga Speed facelift, che viene proposta in numerose varianti di colore (di cui 24 bicromatiche).

Non manca ovviamente la possibilità di creare la propria personale connotazione cromatica. Per chi lo desiderasse è inoltre disponibile il pacchetto Black Specification (che aggiunge particolari in nero lucido o in fibra di carbonio).

IL W12 HA 635 CV – A bordo la Bentley Bentayga Speed facelift mette in mostra tutta una serie di rivestimenti in pelle e/o Alcantara. Ma il vero cuore di questa vettura pulsa al di sotto del cofano: a muovere il crossover britannico è infatti un possente W12 (con bancata disattivabile per abbattere consumi ed emissioni) da 6.0 litri in grado di sviluppare 635 CV di potenza e 900 Nm di coppia, valori questi che (grazie anche ad un cambio automatico a otto rapporti) vanno a tradursi in uno 0-100 km/h in 3.9 secondi e in una top speed di 306 km/h.

DOTAZIONE – Torque Vectoring, Bentley Dynamic Ride (con rollio attivo elettrico a 48 Volt), infotainment con schermo touch da 10.9” e strumentazione digitale completano la dotazione di serie della Bentley Bentayga Speed facelift, che può essere inoltre equipaggiata, su richiesta, anche con impianto frenante carbo-ceramico.

Per saperne di piu’ @ Motori Di Lusso

a cura di Alessandro Colombo

Articolo precedenteI Giovani e il Lavoro
Articolo successivoIl Nome della Rosa: Significante e significato del titolo del libro di Umberto Eco