Un nuovo Vermouth rosso, ispirato ai nove cerchi dell’Inferno Dantesco. E’ 9diDANTE Inferno Vermouth di Torino Superior lanciato da Kaliro Spirits, fondata dall’imprenditore Alex Ouziel. AlexOuziel è un professionista appassionato del mondo degli spirits con una grande esperienza nel vermouth, che ha avuto sin da subito l’intenzione di produrre un vermouth che possa rappresentare un connubio di modernità di gusto e sapiente arte della miscelazione artigianale piemontese.

9diDANTE risponde alle esigenze di gusto delle nuove generazioni, curiose, amanti della qualità e aperte a nuovi stimoli.  Dante Alighieri è stato un’ispirazione che ha accompagnato Alex fin dall’idea iniziale di questo prodotto. Delle 27 erbe botaniche accuratamente selezionate in tutto il mondo, 9 sono state scelte specificamente per il loro simbolismo storico. E a ogni erba è stato associato un cerchio infernale che conferisce a 9diDANTE il suo carattere peccaminoso e la sua esplosione di gusto:

  • assenzio maggiore(Limbo),
  • cardamomo(Lussuriosi),
  • buccia d’arancia amara(Golosi),
  • comino(Avari),
  • basilico(Iracondi),
  • ortica(Eretici),
  • tanaceto(Violenti),
  • finocchio(Fraudolenti) e
  • carvi(Traditori).

Parti uguali di Dolcetto rosso e Cortese bianco si uniscono alle erbe per dar vita a una miscela intensa in colore rosso rubino e un’esperienza piena di tannini, con un sapore deciso e bilanciata in freschezza e acidità. Un Vermouth di Torino moderno che non lascia assolutamente indifferenti e che, come spiega Alex Ouziel, arriva da una cultura per i cocktail sempre maggiore da parte dei consumatori: “La recente popolarità del gin ci ha permesso di riscoprire la bellezza dell’artigianalità, delle erbe botaniche e dei sapori più amari. La cultura del cocktail, la ricerca di gradazioni alcoliche moderate e l’avvicinarsi a gusti più sofisticati hanno fatto crescere l’interesse dei consumatori nella categoria dei vermouth, che ha tardato rispetto ad altre a farsi strada tra il pubblico”. Il fatto di lanciare 9diDANTE Inferno attraverso l’inferno di una pandemia globale ha stupito anche lo stesso artefice di questa impresa, ma questo lancio fa parte di una serie di coincidenze (o segnali dell’universo, ci piace pensare!), tra cui l’amicizia tra il creatore di 9diDante e Mario Baralis, storico enologo di Carpano, che è diventato il suo mentore in questa avventura.

Proprio Baralis descrive con sentimento questa impresa: “Dopo 20 anni da quando sono andato in pensione, è stato emozionante condividere la mia conoscenza con Alex, e vedere nascere un vermouth che non solo rispetta i metodi tradizionali artigianali, ma che va oltre alle barriere convenzionali, offrendo una nuova esperienza per i palati moderni. Diversamente dai più, utilizziamo vino rosso e anche grazie alla mancanza di caramello, si incontra un sapore più complesso e di vino”. 9diDANTE si presenta in definitiva come è una grande novità nel panorama dei vermouth di alta gamma, ottimo liscio con ghiaccio oppure miscelato in cocktail classici come il Negroni, il Manhattan o l’Americano.

Si è già ampiamente distinto grazie alla sua qualità nelle principali competizioni dedicate, ottenendo finora questi riconoscimenti (Awards):

  • San Francisco World Spirits Competition 2020: Silver Medal
  • World Vermouth Awards 2020: Silver Medal
  • World Vermouth Awards 2020: Best New Launch
  • World Vermouth Awards 2020 Design: Gold Medal World’s Best
  • The Spirits Business Specialty Spirits Masters 2020: Silver Medal

Per quanto riguarda la produzione, 9diDANTE ha le sue (non a caso) 6.666 bottiglie presso la Distilleria Dr M. Montanaro, sita ad Alba (CN), casa dove nel 1885 fu creata la Grappa di Barolo, prima grappa monovitigno della storia. Per quanto riguarda invece la distribuzione, viene effettuata in diversi paesi europei con focus in Italia (distribuito da Finespirits e disponibile online su Tannico), Regno Unito e Spagna. Ed ora, ricordando le letture dell’inferno dantesco, siamo pronti a farci trasportare nei gironi peccaminosi! A questo punto non resta che sorseggiare questo Vermouth dantesto, ripercorrendo gli anni delle letture e ricordando il famoso “Lasciate ogni speranza voi che entrate”!

Articolo a cura di Nadia Toppino

Food, Wine & Hospitality Consultant

Articolo precedenteGianluca Saitto e il ritorno al Neoclassicismo
Articolo successivoKindof, dal Genio e dalla Creatività di Luca Ghielmi