Carbon Champagne e Comte de Montaigne

Siamo cresciuti con il mito dello champagne stappato epr festeggiare la Formula 1. La tradizione di regalare una bottiglia di vino al vincitore della Formula 1 è nata nel 1950. Ma è stato il pilota Jo Siffert, nel 1960, il primo che ha innaffiato il pubblico dal podio. Fino al 2015 lo champagne era una presenza fissa della celebrazione della gara ma, per due anni, questo è stato sostituito con lo Chardonnay a causa del rapporto saltato con Mumm (azienda che forniva lo champagne dal 2000). Dal 2017 è la volta di Carbon. Ma anche in altri sport, anche se meno “televisivi”, esistono sponsor di champagne che si legano a gare ed eventi. Leggiamo qualche caso.

Comte de Montaigne sponsor di Italia Polo Challenge Cortina 2022

Comte de Montaigne, Cuvée di Champagne de Prestige dell’Aube, è stata fra gli Official Sponsor della terza edizione dell’Italia Polo Challenge Cortina 2022, manifestazione internazionale che si sviluppa in più tornei di Polo organizzati nelle più belle ed esclusive località e manifestazioni sportive Italiane (www.italiapolochallenge.it). Italia Polo Challenge Cortina 2022 fa parte di un circuito che unisce tre spettacolari location: Cortina d’Ampezzo, Roma Piazza di Siena e Porto Cervo. Un’edizione all’insegna dello Sport e dello Spettacolo, in collaborazione con il Dipartimento Polo della Federazione Italiana Sport Equestri e con il Comune di Cortina d’Ampezzo, che ha visto protagoniste le bollicine della Maison.

Comte de Montaigne ha, infatti, firmato il Cocktail di Benvenuto per le squadre all’Hotel de la Poste con il suo Brut Grand Réserve, dal perlage finissimo e persistente, che ha conquistato gli ospiti con i suoi aromi fruttati di grande intensità e con la sua grande freschezza. Ma la collaborazione fra l’azienda d’Oltralpe e l’eccellenza del polo-on-Snow – entrata a far parte a pieno titolo dell’esclusivo Club dei Cavalieri del Comte – va molto oltre la semplice Sponsorhsip, come spiega il Ceo Stéphane Revol: “La nostra partnership con Italia Polo Challenge Cortina si basa su un solido Dna di valori comuni, primi fra tutti Cuore, Autenticità e Bon Vivre, ma anche sulla passione condivisa per l’eccellenza. Gli stessi valori e lo stesso senso di appartenenza che distinsero le grandi imprese dei Cavalieri che nel XIII portarono nella Côte des Bar – nella Regione dell’Aube, dove si trova il territorio della nostra Maison – il primo ceppo dell’autentico Chardonnay dalle Crociate di Cipro”.

Hotel de la Poste, U.S. Polo Assn., Battistoni e Goldspan sono i quattro polo team che hanno preso parte all’Italia Polo Challenge Cortina 2022, che ha visto protagonisti campioni del calibro di Valentin Novillo Astrada e Clement Delfosse.

Carbon Champagne a 4 Ruote

Carbon è una delle giovani maison più note nel pubblico di appassionati del lusso e dello champagne. Un nome che si affaccia a questo mondo nel 2011, quando una famiglia di vigneron con cinque generazioni di storia decide di creare un marchio di bollicine del tutto inedito. Il progetto coniuga la solida tradizione familiare con la voglia di imboccare strade innovative per la creazione di un grande champagne. La ricerca ha portato a una realtà moderna che punta molto sull’immagine e la comunicazione per ritagliarsi il proprio spazio nel mercato. Carbon colpisce il pubblico prima ancora di far saltare il tappo. Ogni bottiglia, infatti, viene rivestita con un sottile foglio di fibra di carbonio, lo stesso materiale utilizzato per costruire i veicoli della Formula 1. Gli esperti artigiani del brand lavorano anche un’intera settimana su una singola unità per realizzare questi piccoli capolavori di design. Per trovare una strada originale e unica, Carbon ha scelto di legare il proprio nome al mondo dell’automobilismo. Il primo passo è stato sponsorizzare alcuni team privati alla 24 ore di Le Mans, storica gara annuale della durata di un giorno. La svolta, però, arriva nel 2017, quando Carbon diventa lo champagne ufficiale della Formula 1, prima che l’italiana Ferrari di Trento subentra quale prodotto ufficiale delle feste sul podio. Carbon ha legato il suo nome anche a Bugatti, un altro storico marchio della velocità.

Per la casa francese ha realizzato una bottiglia speciale in occasione del centodecimo anniversario. È nato così lo Champagne Vintage 2002 Bugatti Limited Edition “ƎB.01”, un omaggio al fondatore della casa, Ettore Bugatti. Un vino straordinario, nato dalla vendemmia del 2002 – annata particolarmente favorevole – e lasciato riposare per quindici anni sui lieviti.

Sempre legato alla Bugatti, a fine dicembre a Londra è stata battuta all’asta un esemplare unico, realizzato da Bugatti, Champagne Carbon e IXO. Si tratta di una bottiglia di champagne da 15 litri, con richiami al design e ai materiali de La Voiture Noire. È andata all’asta in un evento esclusivo, aperto a collezionisti Bugatti, quest’unico esemplare de La Bouteille Noire. Fa il verso a La Voiture Noire, la proposta extralusso di Carbon.

Quale sia stata la cifra pagata dal collezionista Bugatti è top secret. Un indizio di massima, per capire quale sia il solo valore dello champagne: 15 litri – questa è la capacità della bottiglia Carbon – hanno un costo sul mercato di circa 5.000 euro su un prodotto commerciale… immaginiamoci su un Carbon! Come spiega il direttore dello stile Bugatti, Achim Anscheidt, che lavorerà con il proprietario del pezzo unico per personalizzarlo: “Con La Bouteille Noire non mai stata più vera la definizione che le creazioni Bugatti vanno oltre il campo dell’ingegneria e del design di vertice, divenendo pezzi di arte. Quando abbiamo intrapreso questo progetto, lavorando accanto a Champagne Carbon e IXO, sapevamo che non sarebbe stato accettabile nulla che fosse inferiore alla perfezione. La filosofia tanto delle nostre moderne hypercar che delle nostre icone storiche è riassunta ne La Bouteille Noire”.

Il bello di poter rendere frizzante e ricco di bollicine ogni momento legato al proprio sport preferito. Vedremo quali altri grandi nomi di Champagne si legheranno a sport ed eccellenze!

 

 

Articolo a cura di Nadia Toppino

Food, Wine & Hospitality Journalist

 

Articolo precedenteCosa possiamo mangiare d’Inverno: I cibi che combattono il freddo
Articolo successivoLusso ed eccellenza: nuovo privée Riva a Cortina d’Ampezzo