Una splendida location per una serata eccezionale. Ad accogliere l’evento “InsiemeSiPuò” organizzato dall’Accademia Internazionale Mauriziana è stato l’Hotel “Marechiaro” di Gizzeria Lido, rinomata struttura ricettiva situata in provincia di Catanzaro (Calabria) a pochi passi dal litorale tirrenico ed a breve distanza dal Golfo e dall’aereporto di Lamezia Terme.

L’importante manifestazione i cui echi hanno travalicato i confini regionali e nazionali è stata fortemente voluta dall’Ing. Danilo Binetti, capo della Binetti Ascensori srl e dal Dott. Marco Serrao, eccellente urologo e presidente della fondazione “Totò Morgana”. La cena di beneficenza all’insegna di arte, moda e solidarietà è stata allietata dall’artista Alfio Greco con canzoni e brani musicali molto apprezzati. Organizzato dall’Accademia Internazionale Mauriziana la fantastica serata è stata dedicata alla raccolta fondi per l’Associazione “Lucky Friends”, nata nel 2012 con l’intento di far scoprire ai bambini con difficoltà psicofisiche il mondo dello sport, il lavoro di squadra e il talento che va aldilà della fisicità.

A condurre la cena-spettacolo Antonietta Cozza, giornalista e consigliera delegata alla cultura dal sindaco di Cosenza. Particolarmente toccanti gli interventi del Duca Fabrizio Mechi di Pontassieve e dell’Arcivescovo Paolo Cartolari con i loro racconti di solidarietà quotidiana dell’Accademia Mauriziana. A seguire arte e moda con la presentazione dei gioielli di Michele Affidato e le collezioni di Claudio Greco. Modelle in abiti “total black” per far risaltare la bellezza di oro, argento e gemme del noto orafo crotonese. Il fashion designer cosentino conosciuto e apprezzato in Italia e nel mondo ha preferito i capi delle sue migliori collezioni in diverse tonalità di bianco e panna.

Al famoso stilista bruzio, che a breve presenterà un docufilm di circa 30’ diretto dal Regista Mimmo Calopresti in cui si racconta (dalla nascita avvenuta in un quartiere popolare di Cosenza fino alle affermazioni internazionali nel campo della moda e dello spettacolo) il folto pubblico presente ha dedicato particolare interesse. Legato a livello personale e professionale con associazioni e onlus per le quali organizza eventi di beneficenza Claudio Greco ha partecipato a numerosi musical nei ruoli di ballerino e coreografo.

Scoperta la passione per la moda ha iniziato a firmare capi che nel giro di poco tempo hanno guadagnato la ribalta fiorentina di “Pitti”, le prestigiose passerelle milanesi e tantissime piazze estere. Come attore ha avuto un ruolo nel film “Angeli a Sud” di Massimo Scaglione. Nel 2002 ha disegnato una collezione da uomo per un imprenditore pugliese che ha riscosso successo tra i grandi della moda milanese. Poi il grande salto a New York dove ha firmato una linea di abbigliamento femminile.

Negli Usa ha iniziato un lungo e proficuo percorso lavorativo che ha portato il fashion designer calabrese a presentare collezioni in varie metropoli tra cui Los Angeles (dove ha ricevuto un premio da parte dell’Accademia del Cinema Hollywoodiano), San Francisco e Miami, città dove gli è stato consegnato il premio come ambasciatore italiano per la moda.

Insieme ad altre personalità di spicco della moda italiana è stato protagonista di eventi in Russia, Emirati Arabi e Giappone.

Lo stilista Bruzio è anche l’ideatore del premio “Mandarino d’Oro”, giunto quest’anno alla quarta edizione. Nato nel ricordo di Flora Greco e di tutti coloro che lottano per la vita il premio è riservato a personaggi nazionali e internazionali che si sono particolarmente distinti nel mondo dell’arte, cultura, moda, giornalismo e spettacolo.

Applausi scroscianti in chiusura di serata sia per Greco che per l’orafo crotonese. I gioielli di Michele Affidato hanno dato luminosità alle bellissime modelle, gli abiti e le acconciature scelte dallo stilista hanno pienamente incarnato il pensiero di entrambi.

Articolo a cura di Antonio Verri

 

Articolo precedenteBugatti EB 110 GT, la supercar che svetta
Articolo successivoLuxury Weddings in Italia: Dove e come realizzare il Vostro Sogno