Poco distante dallo stadio San Siro, ci sono sette ettari di verde dedicati al benessere. C’è uno spazio per allenarsi, per rilassarsi, per immergersi fra le pagine di un romanzo, per conversare fra una pubblica relazione e l’altra o coltivare il proprio business. C’è uno spazio per pensare e riequilibrarsi fuori dai rumori metropolitani. È l’Aspria Harbour Club, una struttura fatta di ambienti esterni e interni, aree fitness, piscine, campi da tennis e padel al coperto e outdoor per quando la stagione lo permette. E una comunità di associati che la anima.

Sotto il cappello Aspria di club in Europa se ne contano otto in tutto, spaziando per Bruxelles, Berlino, Hannover e Amburgo. “È una catena in espansione” spiega George Ghandour, da oltre due decenni figura di riferimento per la comunicazione della struttura. Nel capoluogo meneghino l’ingresso si apre con una sala di accoglienza fatta di sofà relax e moderni spazi di co-working flessibili per creare, concentrarsi e connettersi. Uno spazio aerato e luminoso, dove la vista sul parco si apre guardando oltre la parete di vetro che delimita la sala. Proseguendo sulla sinistra ci sono il bar e l’area ristorante dove l’attenzione ai dettagli si fa notare nel servizio e nella preparazione dei piatti, il che contribuisce ad un’ambiente di qualità. Prendendo invece la scalinata sulla destra che scende verso il piano sotterraneo, si raggiunge l’area fitness ampiamente attrezzata, con istruttori e personal trainer che mettono in pista allenamenti personalizzati e corsi di gruppo.

“Stiamo tornando ai ritmi di attività pre-covid, il club si è ripopolato non solo della presenza dei nostri soci, ma anche di eventi privati e di quelli richiesti dagli sponsor, spesso del settore automobilistico. I nostri spazi ben si prestano a coltivare relazioni anche d’affari” prosegue Ghandour che si dedica a intessere quelle del club da oltre vent’anni.

Passando oltre il ristorante c’è una vera chicca, la spa con un affaccio panoramico che domina sull’intera struttura. Bagno turco, sauna, stanza del ghiaccio, solarium, piscina talassoterapica esterna con getti idromassaggio e aree relax, una in particolare con i lettini in muratura dalle fattezze accoglienti spicca per la vetrata sul paesaggio antistante. I prodotti proposti sono a base fitoterapica e sono anche impiegati nei trattamenti da cabina che finalizzati al relax, al miglioramento della circolazione sanguigna e linfatica, al miglioramento della qualità del sonno e all’alleggerimento delle tensioni muscolari. È un’oasi termale profumata ed elegante, spaziosa e piena di luce.

Immersi nella natura, ci sono diciotto campi da tennis su quattro diversi tipi di superficie, oltre a quattro campi da padel. Per professionisti, principianti, per una partita fra amici o per un torneo competitivo, la tennis community dei soci abbraccia tutti i livelli e tutte le età, anche per i più piccoli, in un approccio di condivisione di esperienze divertenti.

Per chi ama tuffarsi in acqua, ci sono un’olimpionica all’aperto con solarium e bar a bordo vasca, e una piscina da venticinque metri al coperto adatte ad un allenamento per tutti i livelli. Tutto in uno.

Per saperne di più @ Aspria Harbour Club

A cura di Dafne Ambrosio

 

Articolo precedenteCarpegna Suite 92, lusso ed eccellenza firmata Paolo Canto
Articolo successivoBugatti EB 110 GT, la supercar che svetta