Gismondi 1754, un’azienda con una storia antica che risale a sette generazioni fa, un patrimonio tutto italiano proiettato verso il Mondo. Il suo capostipite fu il genovese Giovan Battista Gismondi, nato nell’anno che è diventato parte integrante del brand, il quale ben presto si fece strada nel campo della gioielleria, divenendo il fornitore ufficiale della nobile famiglia Doria e del Papa Pio VI. Questa grande tradizione ha portato Massimo Gismondi, mente creativa e AD dell’azienda, ad elaborare una ricerca stilistica in cui l’amore per il bello, l’originalità del design e le asimmetrie perfettamente calcolate, stupiscono e affascinano chiunque si avvicini al suo universo. Gismondi 1754, più che un’azienda, è una famiglia: i suoi componenti sono fieri di essere parte di questa realtà e di contribuire ad essere ambasciatori del made in Italy e del savoir faire italiano nel mondo. Non a caso i gioielli di tale marchio sono stati indossati da molte dive come Jane Fonda, Gwyneth Paltrow, Salma Hayek, Naomi Campbell, solo per citarne alcune. L’Azienda, recentemente quotata in Borsa, ha mantenuto le sue radici italiane e soprattutto liguri. Il mare, i monti, i colori del paesaggio di questa striscia di terra stretta tra la profondità marina e i rilievi montuosi, sono certamente una fonte continua di ispirazione per la mente creativa di Massimo Gismondi che non cessa di incantarci per la freschezza delle sue creazioni.

Massimo Gismondi

La collezione Clip, presentata prima a “The Couture” Las Vegas nell’agosto 2021 e poi a Vicenza Oro nel settembre del 2021, ha un nome semplice che evoca una graffetta. Questo oggetto di uso quotidiano che serve a tenere uniti i documenti ha un significato profondo che ben si sposa con i valori della Maison: unione, semplicità e modernità.

Una piccola clip, apparentemente insignificante, riesce a tenere insieme frammenti di vita: è umile, minuscola ma anche flessibile. Da questa idea geniale nasce, quindi, un’affascinante collezione declinata in bracciali, anelli, collane ed orecchini. I gioielli sono realizzati in oro rosa e bianco, arricchiti con diamanti e pietre preziose, quali smeraldi, zaffiri rosa e blu.

La linea si fa Alta Gioielleria incantandoci con un collier abbinato ad un paio di orecchini in oro rosa impreziositi da una cascata di diamanti fancy gialli, brown e bianchi.

Questa collezione dimostra ancora una volta la capacità di Gismondi 1754 di essere sempre pioniere di stile per la purezza e la modernità del design, ma allo stesso tempo antesignano di un nuovo concetto di gioielleria che ben si adatta all’ ésprit du temps. La linea Clip è emblema e sigillo di una promessa di unione perenne e corrispondenza di sentimenti. La sua modernità e raffinatezza di design la rendono unica e adatta al look di ogni giorno e anche fonte di ispirazione per i poeti che non di rado hanno elogiato la “graffetta” nelle loro opere:

O knot in two dimensions,
tiny maze, shine on the rug,
little animal endemic

to desks, self-perpetuating
unendangered species,
trumpet too fine to sing!

(Ode to a paper clip di James Richardson)

Per saperne di più @ Gismondi 1754 World

 

 

Articolo a cura di  Laura Astrologo Porché

Instagram: @journaldesbijoux

 

Articolo precedenteFrancesco Ridolfi, il Demiurgo dell’Oreficeria artistica
Articolo successivoL’Alta Gioielleria Bulgari incanta il mondo “Diabolik”