La summer attitude dei “giardini del fuenti”, modello edonistico-ludico luxury dell’accoglienza. Nell’ecosistema lussureggiante della Costa d’Amalfi spicca l’ultra green salotto chic “Giardini del Fuenti” che insiste in posizione super panoramica a Vietri sul Mare sulla S.S. Statale Amalfitana 163, in località Fuenti e che, per la sua straordinarietà estetico-architettonica rappresenta uno spicchio di paradiso terrestre. Tale scenografico set dispiega il tocco di una mondanità rilassata che, per la seduzione qualitativa dei servizi di accoglienza che elargisce, dal potente quoziente emozionale, invoca la forza del sogno.

Grazie alla cultura manageriale profusa dai titolari Pierluigi e Alessandra De Flammineis, nipoti del capostipite Orfeo Mazzitelli, nell’estate 2019 tale continuum imprenditoriale generazionale si è concretizzato e ha ripreso vita attraverso un progetto ambizioso e rispettoso dell’ambiente affidato allo studio Third Generation Group srl che ha creato un ‘Giardino mediterraneo’ quale ‘genius loci’da preservare in virtù del mirato intervento di riqualificazione che ha incluso diversi spazi attrezzati per eventi, improntati ad un modello edonistico-ludico super luxury dell’accoglienza fra Beach club, ristorante, lounge disco bar, un ambiente dedicato wedding dal sofisticato appeal, un garage con ben 150 posti auto, e, per chi viene dal mare, vi è un molo/porticciolo turistico equipaggiato per effettuare escursioni in barca e diverse attività nautiche, incluso servizi di ristorazione a bordo dedicati.

Ai Giardini del Fuenti è tutto speciale, unico. Si resta ipnotizzati di fronte a questi spazi contemplativi dall’unicità delle aree polifuzionali siglate da un’“estetica dell’accoglienza” open air che trasmettono un messaggio di esclusività e che, con un sottile filo di luce, tesse nell’anima un piccolo cuore che resta rapito da questi luoghi.  Il potente habitat architettonico-geometrico estroflesso dalla struttura Giardini del Fuenti che si palesa agli occhi degli ospiti, rapisce per la forza titanica e per l’atmosfera sfolgorante dell’armonico proscenio paesaggistico-naturalistico in cui si staglia, abbarbicato come è nella roccia a picco sul mare.

Il gioco di sovrapposizioni e di curve sinuose dei terrazzamenti a raggiera, dal forte coefficiente estetico, ci introducono in un tour sensoriale da percorrere, respirando a pieni polmoni tutta l’energia della natura che fluisce, inebriandoci con i profumi di piante ed erbe officinali e della vegetazione mediterranea in fiore, fra rigogliosi buganvillee, glicini e berceaux che si allargano in un suggestivo limoneto che magnificamente si presta per la sua dolce atmosfera come ambiente bucolico e romantico ideale per siglare la celebrazione di matrimoni da favola.

Lo scenario che si ammira è quello di una natura vincente che liturgicamente dà i suoi frutti e dove l’orografia naturale dei terrazzamenti che digradano dolcemente verso il mare accoglie il vigneto dell’azienda agricola “Agrimarghe”, della giovane Margherita De Flammineis che in concerto con l’imprenditore agricolo Gianmarco Labraca, ha dato vita ad un esteso impianto autoctono di vite Fiano, allevata a spalliera e disposta su più livelli, magistralmente progettati dall’agronomo e paesaggista Luciano Mauro. Destinataria del prezioso raccolto delle uve l’azienda di Mario Mazzitelli,Lunarossa Vini e Passione” che con tecniche artigianali ha sapientemente lavorato il vino “Fuenti” per andare ad allietare i palati più sopraffini.

Ai Giardini del Fuenti si accende l’emozione e tutto diventa magia in un solo istante. Trascorrere una giornata tuffandosi nel mare limpido e cristallino del “Beach Club Riva del Fuenti” traendo beneficio dai bagni di sole è un toccasana impagabile, come godere del servizio à la carte del gourmet Riva del Fuenti Restaurant che vede al timone l’Executive chef  Michele De Blasio che interpreta il ritmo naturale delle stagioni con ghiotte prelibatezze culinarie deliziando i commensali con una cucina di mare raffinatissima, accompagnata da specialità enogastronomiche del territorio innaffiate da degustazioni di bollicine e vini locali della Costa d’Amalfi da assaporare dolcemente unitamente alla melodica voce di Luna Palumbo e alle note di MarioR dj in sottofondo.

Vale la pena aspettare il tramonto sfolgorante con lo sguardo perso nel blu ed emozionarsi sotto le stelle sdraiati comodamente sulle sedute della terrazza del lounge Bar prospiciente il mare che di sera diventa disco club per brindare sorseggiando a tutte le ore un calice di vino o deliziosi cocktail gourmet, che per gli astemi diventa un wellness drink shot analcolico alle erbe aromatiche da degustare con invitanti stuzzichini, in un punto panoramico mozzafiato, e contemplare – per i mattinieri – abbacinanti e meravigliose albe: potersi pregiare di tutto ciò, all’insegna dello svago e del riposo, può rendere davvero la giornata speciale perché assurge ad un’esperienza sensoriale memorabile nel segno dell’esclusività. Altro fiore occhiello, dal forte quoziente emozionale, il palco ad anfiteatro sopraelevato a gradoni inerbiti dell’“Arena del Fuenti”, teatro di kermesse ed eventi teatrali e musicali che già l’anno scorso hanno registrato tanti successi sold out.

L’incisivo e operoso management che mira allo sviluppo esponenziale del corporate brand è orientato verso un marketing mix, che ha l’obiettivo di offrire un vantaggio competitivo oltre a porsi come modalità per aumentare il proprio impatto nel settore dell’intrattenimento, attestandosi come una polarizzazione operativa che vanta l’offerta di un ventaglio di soluzioni, con la chicca quest’anno della creazione di un Lounge secret club elitario e una Cigar room riservata per i cultori e amanti del tabacco.

La scelta dell’apertura tutto l’anno punta alla destagionalizzazione, all’insegna dell’estate infinita, una ‘summer attitude’ a cui sono improntati i Giardini del Fuenti, che incarnano la location perfetta in cui vivere un’esperienza unica in cui potersi rigenerare in un biosistema architettonico, dalla tattile armonia e in perfetto equilibrio, coccolati da uno staff di professionisti, dove il tempo trascorre lento in un relax infinito e con tutta la leggerezza e il divertimento di una pausa lussuosa che appaga i sensi e si traduce in una promessa di ritorno.

 Per saperne di piu’ @ Giardini del Fuenti

 a cura di Anna Lorito
Dottore di ricerca in Storia e Sociologia dell’industria e dei media 

Articolo precedente‘Tuttologi’ ci si sente…
Articolo successivoEpopea d’amore pantesca: Denny Almanza, il guardiano delle api