La Casa modenese ha presentato la Maserati Ghibli Hybrid, variante ibrida della berlina modenese che porta il marchio italiano nel mondo delle vetture a propulsione combinata.

La Casa del Tridente ha fatto debuttare la Maserati Ghibli Hybrid, variante ibrida della berlina modenese che porta il marchio italiano nel mondo delle vetture a propulsione commista ampliando così l’offerta di prodotto del brand.

CONNOTAZIONE ESTETICA DEDICATA Caratterizzata sia esternamente che internamente da una serie di elementi stilistici di colore blu (come feritoie di estrazione laterali, pinze freno, saetta nel logo e impunture dei sedili), la Maserati Ghibli Hybrid presenta una serie di inedite primizie estetiche e attinge a piene mani dalla tecnologia mild-hybrid. Grazie alla tecnologia ibrida, l’energia cinetica accumulata dal veicolo in marcia, viene recuperata e trasformata in energia elettrica in fase di decelerazione e frenata e accumulata in una batteria. A muovere la Maserati Ghibli Hybrid è un sistema che combina al 4 cilindri turbo da 2.0 litri un alternatore a 48 volt e un compressore elettrico aggiuntivo (e-Booster): il tutto supportato da una batteria. Quest’ultima è posizionata nella sezione posteriore della vettura. Inoltre, rispetto alla versione con motorizzazione diesel, il peso scende di 80 kg.

PRESTAZIONI IBRIDE Questo powertrain consente a Maserati Ghibli Hybrid di disporre di 330 CV di potenza e di 450 Nm di coppia (quest’ultima disponibile già a 1.500 giri/min): il tutto per 255 km/h di velocità massima e per uno 0-100 km/h in 5,7 secondi. Un sistema di ottimizzazione di scarico coadiuvato da risonatori appositamente sviluppati consente inoltre di esaltare la sonorità del propulsore.

CONNETTIVITÀ E NOVITÀ Con Ghibli Hybrid debutta anche il programma Maserati Connect che permette una connessione costante con la vettura: mentre il veicolo è in movimento continua lo scambio di informazioni per migliorare i servizi offerti al guidatore. Oltre all’aggiornamento dei software, il sistema effettua controlli sull’auto e monitora i servizi di Safety Security in condizioni di emergenza.

Il sistema multimediale Maserati Intelligent Assistant è invece basato sui contributi digitali di Android Automotive, software che offre una user experience personalizzabile in funzione delle preferenze del guidatore. Lo schermo in HD del sistema multimediale, con una nuova grafica, passa da 8”4 a 10”1. Viene inoltre introdotto anche un nuovo quadro con strumenti digitali e nuove grafiche.

Per saperne di piu’ @ Motori Di Lusso

a cura di Alessandro Colombo

Articolo precedenteAngelo Mauri, il Figaro di Lugano
Articolo successivoMenù di oggi… La Salute