Occhialeria Artigiana è un marchio di 1955 Italia, una bottega dal sapore rinascimentale, che opera nel campo della produzione degli occhiali, sita nel cuore della Basilicata, è fiore all’occhiello del Made in Italy, che tutto il mondo ci invidia.

Raffaele Ricciuti – Occhialeria Artigiana Managing Director

Raffaele Ricciuti, Managing Director dell’Azienda, è colui che ha creduto fortemente in questo progetto, cambiando vita e rischiando il tutto per tutto… è forse proprio questo il segreto del successo della sua azienda?

Parlare di successo è prematuro, ma è vero che all’estero iniziamo a diventare famosi, il nostro fatturato quest’anno si avvia ad essere per il 95% fuori dai confini nazionali. I risultati, che iniziano ad essere confortanti, sono il frutto di una strategia dedicata completamente al “made in Italy”, all’esclusività, all’uso delle migliori materie prime e componenti disponibili sul mercato, ma soprattutto all’impegno ed alle competenze dei nostri collaboratori che interpretano correttamente e con amore il loro ruolo.  La formazione del personale è continua, ed in continuazione introduciamo nuove competenze e nuovi strumenti. Siamo una delle poche piccole aziende, che ha al suo interno un centro di design; può sembrare banale, ma non lo è assolutamente.

Decidere di sostenerne i costi della progettazione significa garantire che i disegni che escono dalla nostra matita e poi dai nostri programmi di progettazione, sono il frutto della fantasia, della creatività italiana e della continua collaborazione che esiste fra chi disegna e chi trasforma il disegno in un prodotto fisico, la montatura. Insomma abbiamo ricreato l’ambiente delle botteghe artigiane del Rinascimento quando il Maestro, l’artigiano o meglio l’artista, lavorava fianco a fianco con i suoi discepoli per creare le opere d’arte che ci hanno resi famosi in tutto il mondo.

Ovviamente tutto questo passa attraverso la presenza su internet e sui canali social, fatta finora in maniera disordinata e casuale. Ora anche in questo settore ci siamo iniziati a dotare di competenze e capacità che ci consentiranno un ulteriore salto di qualità. Un fattore fondamentale, per noi importantissimo è il tempo. Oggi tutti sono stressati dal fatturato e dai tempi. Sarebbe falso dire che per noi non lo sono, ma noi abbiamo deciso di essere padroni del nostro tempo. Per disegnare e realizzare degli occhiali sono necessari:

  • TESTA tirare fuori un buon disegno richiede ispirazione, ci vuole tempo.
  • MANI tirare fuori un buon prodotto richiede tante lavorazioni e rifiniture manuali, ci vuole tempo.
  • CUORE i nostri prodotti sono il frutto della passione che tutti noi mettiamo nel nostro lavoro, significa guardarlo attentamente, significa accarezzarlo, significa curare ogni singolo dettaglio, ci vuole tempo.
  • Concorrere con gli altri sulla qualità è un non-sense, è scontato, I nostri prodotti devono essere esattamente ciò che un consumatore cerca quando vuole un prodotto Made in Italy: Italian style, Italian way of life, bellezza, creatività, e chiamiamola pure innovazione, ecco a noi il tempo serve per tutto questo.

Occhialeria Artigiana è molto amata all’estero, senza rinunciare allo stile, al design e al fascino del Made in Italy e con la discrezione che caratterizza i lucani, dall’Australia, ad Israele agli Usa, come nascono queste importanti collaborazioni?

Sono il frutto di pochi concetti chiari che cerchiamo di trasferire ai nostri clienti e che sono la regola per tutti noi che lavoriamo:

  • Non seguire le tendenze e lo stile dei grandi marchi.
  • Non avere fretta, le migliori idee possono venire immediatamente, il Fausta, la nostra icona (https://www.occhialeriaartigiana.com/pagina-prodotto/fausta) è nato in mezzora, mentre ci sono occhiali che hanno avuto un tempo di gestazione di quasi sei mesi.
  • Interpretare in modo moderno l’Italian Way of Life e l’Italian Style.
  • Usare gli strumenti più moderni nella fase di progettazione e prototipizzazione, ma la produzione deve essere manuale, ogni pezzo deve passare attraverso le mani di ciascun collaboratore e tutti devono controllare che il pezzo sia perfetto, la qualità nasce in produzione non al controllo finale.
  • Utilizzare le tecnologie della comunicazione, indicizzazione del sito e presenza sui social, per essere presenti in tutto il mondo, abbiamo completamente abbandonato le fiere ed invece spingiamo molto su internet. Finora abbiamo lavorato soprattutto sul sito della società nelle prossime settimane iniziamo invece a lavorare sull’e-commerce del nostro brand www.occhialeriaartigiana.com

L’occhiale accessorio irrinunciabile è il frutto di un lavoro sapiente e meticoloso, un mix di modernità e artigianato che garantiscono la perfezione e l’unicità dei modelli delle tante e variegate collezioni, può dirci qualcosa di più in merito alla collezione donna, in particolare sul modello Fausta?

Abbiamo impostato la produzione dei nostri brand Occhialeria Artigiana e PRIMUS, la collezione bambine/i, puntando su tre concetti:

  • design iconicoispirato ai più bei modelli degli anni in cui gli occhiali sono passati dall’essere solo un presidio medico ad un accessorio di moda, avendo un occhio all’architettura, ai paesaggi ed ai colori italiani. La nostra icona è il Fausta, esposto alla triennale del design a Milano, si ispira alle bifore con una delle aperture capovolta. La sinuosità di alcuni disegni ricordano le colline e le montagne dei nostri paesaggi. I colori sono il rosso dei nostri vini, il verde dell’olio, l’avana del tufo, i colori della nocciola etc.
  • 100% Made in Italy, con materiali di prima qualità quasi tutti prodotti in Italia, gli italiani insieme con i tedeschi sono i migliori produttori mondiali. Realizzati al 100% nel nostro atelier.
  • Etica con particolare attenzione al GREEN, Oggi la gente compra spinta dall’impulso piuttosto che dall’attenzione ai contenuti. Pochi si chiedono: di cosa è fatto? chi lo ha fatto? dove è stato fatto? e tutto ciò che ne consegue, inquina? i dipendenti sono sfruttati? etc.

Noi crediamo che per i nostri prodotti sia importante la costruzione, o meglio la ricostruzione, della catena del valore. Il nostro story telling non è frutto della fantasia, noi raccontiamo semplicemente quello che facciamo. Non abbiamo segreti, chiunque ci viene a trovare, anche i “concorrenti” può visitare il nostro laboratorio, anzi ci piace mostrarlo, ci piace far vedere i prodotti particolari e che hanno richiesto tempo realizzati per personaggi famosi e non.  La nostra certificazione 100% Made in Italy è un atto legale, comporta, per chi dichiara il falso, sanzioni amministrative che possono arrivare a 120000 euro e sanzioni penali che possono superare i due anni di carcere, se dichiariamo il falso. Non abbiamo fatto fatica a certificarci, non siamo noi che ci atteniamo alla certificazione, ma è la certificazione che calza a pennello ai nostri valori, alla nostra strategia.

Da ultimo ed ovvia conseguenza della qualità che esprimono i nostri occhiali c’è la durevolezza. I nostri occhiali sono fatti per durare negli anni, non per essere buttati dopo una stagione, sono occhiali da collezione. I nostri occhiali sono GREEN perché non strizzano l’occhio alla moda e perché sono fatti con materie prime della migliore qualità. Per noi essere green significa non fare rifiuti e non riciclare i rifiuti e utilizzare i derivati come il mondo del fast fashion cerca di farci credere. Riciclare e usare prodotti riciclati è un dovere, ma noi andiamo oltre e torniamo alle origini del “made in italy” prodotti belli eleganti fatti per durare nel tempo e che non si buttano, ovviamente in fabbrica abbiamo la produzione di energia, utilizziamo acque reflue, facciamo raccolta differenziata etc.

L’obiettivo dunque è quello di ricercare il massimo della qualità e dell’unicità, ottenendo così un occhiale perfetto in ogni suo dettaglio?

Per noi la qualità non è un obbiettivo, è parte del processo produttivo, i nostri obbiettivi sono il miglioramento continuo del benessere dei nostri collaboratori, che hanno fatto sacrifici e ancora ne fanno, e di conseguenza dei nostri occhiali.

Sul vostro sito di e-commerce è possibile attraverso un’applicazione provare gli occhiali a dimensione reale ci spieghi meglio?

Abbiamo lavorato per diversi mesi cercando un sistema che consentisse di provare non una foto, come succede oggi nella maggior parte dei siti, ma l’occhiale a dimensione reale con la realtà aumentata, dopo molte ricerche abbiamo trovato una azienda Vietnamita con cui abbiamo sviluppato il progetto, il risultato è già soddisfacente, ma la tensione al miglioramento, ovviamente, è continua.  La scelta di andare sull’e-commerce è stata una scelta sofferta avremmo voluto vendere tramite i canali tradizionali, attraverso professionisti capaci di spiegare filosofia e qualità degli occhiali perché pensavamo che fosse difficile spiegare al cliente finale questi concetti e soprattutto che fosse impossibile far provare al cliente l’occhiale come in negozio. Il lavoro che stiamo sviluppando e’ quello di utilizzare i canali social per veicolare la filosofia e i valori di Occhialeria Artigiana direttamente a chi sposa questo stile di vita.

Invece, i miei giovani collaboratori spingevano per la nostra presenza sul web. Alla fine dopo lunghe riunioni e dopo un anno e mezzo di lavoro, ci vuole tempo, abbiamo fatto un sito dove il nostro potenziale cliente può misurare il Suo occhiale a dimensione reale come se lo stesse indossando davvero e dove se ha voglia di capire la nostra filosofia ed il processo che porta alla costruzione del nostro occhiale a questo link vedete tutti i principali passaggi   https://www.occhialeriaartigiana.com/comesonofattiinostriocchiali .  Le grandi case di moda sono nate negli atelier dove i personaggi famosi andavano ad ordinare e provare i loro abiti ed accessori. Il confronto fra diverse generazioni, la mia tradizionale, legata all’idea dell’atelier dove vanno i clienti a fare i loro capi e quella dei miei giovani collaboratori, innovativa, con le loro competenze digitali, ha fatto nascere l’idea di portare il nostro atelier a casa dei clienti.

Abbiamo appena realizzato due occhiali in oro, uno per un cliente svizzero ed uno per un cliente arabo, non li conosciamo non li abbiamo mai visti, ma abbiamo le loro attestazioni di soddisfazione e ringraziamento per il lavoro che abbiamo fatto per loro.  Il prossimo passaggio sarà quello di mettere le action-cam nel nostro atelier per consentire a chiunque di collegarsi e vedere cosa facciamo, non abbiamo segreti da nascondere, siamo felici quando i nostri clienti, e non, ci vengono a trovare e mostrare che tutto quello che diciamo è vero.

Qual è l’unicità del suo brand?

Direi prima di tutto il fatto che non ci ispiriamo ai grandi marchi, andiamo per la nostra strada. I nostri occhiali resteranno in produzione per anni, non tiriamo fuori nuove collezioni, ogni sei mesi per indurre un desiderio di consumo utilitarista nei nostri clienti non spingiamo a cambiare l’occhiale ogni sei mesi, ma ad usarli fino alla distruzione o a collezionarli, perche’ un buon occhiale che sta bene ad una persona, non passa mai fuori moda. I nostri occhiali sono fatti in tre colori, il nero che è sempre in produzione, gli altri due sono fatti in tiratura limitata, circa 200 pezzi, quando finisce il colore lo riproduciamo, ma in un colore diverso e sempre ispirato ai colori dell’Italia. Ogni tanto tiriamo fuori un prodotto nuovo in edizione limitata, come ad esempio il pierpaolo che è l’occhiale che abbiamo fatto per il film sulla vita di Pasolini, lo indossava la sera che è stato ucciso, in tiratura limitata, 50 pezzi, 20 acquistati dal teatro stabile di Monaco di Baviera.

Lei ha creduto nella potenzialità della sua terra la Basilicata, qual’ è il consiglio che si sente di dare ad un giovane che decide di fare impresa nella propria terra d’origine?

Quando racconto che il 90% del fatturato lo facciamo all’estero senza spostarci dai nostri uffici la gente mi guarda incredula, siamo in basilicata, siamo nel mondo al pari di chi vive a Milano o a Parigi o a New York. Prima di internet la localizzazione era importante, direi fondamentale, oggi è una scelta di vita. Ai giovani non posso suggerire niente, alla mia età, da loro posso solo imparare, non ho le loro competenze.

L’unico suggerimento banale che posso dare, frutto dell’esperienza, è “non mollare mai” e non credere che il successo arriva, solo grazie alle idee. Ci vogliono idee, testa, tanto lavoro, mani, passione, cuore e tanto tantissimo tempo.

Per saperne di più @ Occhialeria Artigiana

A cura della Prof.ssa Stefania Abbruzzo

Articolo precedenteLucerna, a spasso con Fritschi nella città della luce
Articolo successivoirEne hat dress: sobrietà, eleganza e tradizioni artigianali