La storica città di Padova ospiterà presso il suo prestigioso Centro Culturale Altinate, dal 30 Settembre 2022 al 29 Gennaio 2023, più di 150 opere tra disegni, fotografie, incisioni, serigrafie, sculture e postcards del genio della Pop Art Andy Warhol.

L’importante evento artistico/culturale dal titolo “Andy Warhol Icona Pop”, sarà curato dalla Dott.ssa Simona Occioni e da Alessandra Mazzoleni. La Mostra è organizzata da ARTIKA di Daniel Buso e Elena Zannoni, in collaborazione con Fondazione Mazzoleni e Città di Padova.

Pres. Fondazione Mazzoleni – Dott.ssa Simona Occioni

Lo scopo principale della Fondazione Mazzoleni (diretta dalla Dott.ssa Simona Occioni e Alessandra Mazzoleni) è quello di valorizzare luoghi storici e prestigiosi come ville d’epoca, castelli e chiese, organizzando eventi pubblici e privati attraverso esposizioni di opere pittoriche, scultoree e fotografiche di autori di caratura internazionale, al fine di coinvolgere gli appassionati d’arte e non, portando collezioni importanti in località turistiche, lussuose e numerose importanti città d’arte Italiane. Da qui nasce infatti la coesione tra le due realtà.

“Andy Warhol Icona Pop” riunisce oltre 150 opere tra disegni, fotografie, incisioni, serigrafie, sculture e postcards, e si sviluppa su sei sezioni tematiche, a partire dal ritratto biografico del grande artista newyorkese. Trovano spazio nell’esposizione i marchi che popolavano l’immaginario pubblicitario diffuso negli Stati Uniti tra gli anni ‘60 e gli anni ’70 e le icone dello spettacolo tra cui il volto di Mick Jagger, Sylvester Stallone, Marilyn Monroe.

Nel 1962, presso la Ferus Gallery di Los Angeles, un giovane artista inaugura la sua prima mostra personale nella città californiana. L’autore è Andy Warhol e i critici stroncano le sue composizioni come “opere piatte e provocatorie”. Ciò nonostante, da quel momento in poi il suo successo sarà inarrestabile. Nella celebre “Factory” transiteranno i più grandi intellettuali e vip del momento, tutti desiderosi di farsi fare un ritratto da Andy.

Pop Art è cultura di massa, oggetto principale dell’arte stessa. L’operazione rende anonima la figura dell’artista nel processo produttivo, sottolineando così l’assurdità del completo distacco da ogni impegno emotivo. Non c’è più l’umanità, ma un’inesauribile catena di produzione di “cose” che vengono infinitamente riprodotte a scopi commerciali.

L’arte di Warhol non è soltanto critica alla società dei consumi (discorso che vale per la maggior parte degli altri artisti Pop), ma anche attacco ai valori borghesi e all’establishment dell’Arte. Warhol svela la superficialità del sistema a cui appartiene, attraverso la manipolazione delle immagini. La forza del suo stile, pur nella semplicità della sua estetica, è capace di superare in fama persino le icone rappresentate.

Sergio Giordani (Sindaco di Padova) e Andrea Colasio (Assessore alla Cultura) esprimono così il loro pensiero: “Tra le tante rivoluzioni che hanno trasformato l’arte nel secondo novecento, il movimento Pop è quello che ha annullato definitivamente le distanze tra l’opera e il pubblico. Il lavoro di Andy Warhol, in particolare, ispirato ai meccanismi della ripetizione, della riconoscibilità, della riproducibilità di personaggi celebri e di prodotti d’uso quotidiano, ha raggiunto una notorietà universale.

Lo stesso artista finì per trasformarsi in icona di sé stesso, come intelligentemente recita il titolo di questa mostra che porta a Padova un’esperienza culturale insieme profonda e giocosa. Oltre centocinquanta lavori tra disegni, fotografie, incisioni, serigrafie, sculture e cartoline consentono di immergersi nel variopinto e brillante mondo di uno degli artisti più famosi e citati del XX secolo. Il Centro culturale Altinate San Gaetano ancora una volta è sede di una mostra di rilievo, che testimonia peraltro un rinnovato interesse della nostra città per l’arte contemporanea.

Un grande progetto artistico che con grande orgoglio la città di Padova ospita e che vedrà protagonista le opere del genio indiscusso della Pop Art. L’evento artistico dell’anno che consigliamo assolutamente di visitare.

Mostra a cura di Simona Occioni

Percorso espositivo a cura di Daniel Buso and Alessandra Mazzoleni

In collaborazione con Fondazione Mazzoleni e “Città di Padova”

Per Prenotazioni @ tel. 351 809 9706 – email: mostre@artika.it 

Foto @ Gian Carla Faralli

 

Articolo a cura di  Massimo Basile

Direttore Editoriale @ 

celebreMagazine World

Luxury Investment Magazine

 

Articolo precedenteBorsalino primavera-estate 2023… pura bellezza e autentico fascino
Articolo successivoDe Rerum Natura, artisti dialogano fra presente e passato