Mare di sabbia fine, un parco archeologico con i templi dorici meglio conservati dell’intera civiltà greca e una pineta che spigiona i profumi più intensi. Ecco Paestum, crocevia di popoli e civiltà, un angolo di eternità posto tra il Parco Nazionale del Cilento e la Costiera Amalfitana.

 

Paestum, è un’antica città della Magna Grecia chiamata dai Greci Poseidonia in onore di Poseidone, ma devotissima ad Atena ed Era. Dopo la sua conquista da parte dei romani assunse poi il nome di Paestum. L’estensione del suo abitato è ancora oggi ben riconoscibile, racchiuso dalle sue mura greche, così come modificate poi in epoca romana.

Qui, incastonato tra la pineta e il parco mediterraneo, sorge il Boutique Hotel Esplanade, un microcosmo di bellezza che, grazie al giardino dalle mille sfumature, alle sue sale che si affacciano sulla stupenda piscina, alle decorazioni in ceramica vietrese e all’impeccabile qualità del servizio, è l’ideale per chi è alla ricerca del calore e dell’accoglienza di una residenza privata, senza rinunciare assolutamente ai servizi di un albergo d’eccellenza. Una indimenticabile luxury experience.

A pochi passi, si cela il Savoy Beach Hotel, pensato per essere un albergo dalle forme sofisticate, dal fascino senza tempo che unisce glamour e accoglienza, eleganza e calore. Avvolto da un grande parco che sprigiona piacevolissime note floreali, il Savoy dispone di una spiaggia privata con piscina, il Beach Club 93.

Un luogo incantato, pensato per vivere nel modo più intenso una vacanza in riva al mare, dal pranzo in spiaggia fino alla cena sotto le stelle. La cucina del Beach Club 93 è imperniata su materie prime biologiche prodotte nel cuore del parco nazionale del Cilento da San Salvatore 1988, la pluri-premiata azienda agricola di famiglia che ha portato alla ribalta della stampa internazionale l’antica produzione del vino nel Cilento.

Novità nella proposta del Savoy Beach Hotel è la Holos Spa che nasce per offrire un concetto di benessere totale: dalle tre piscine a temperatura controllata passando per la grotta del sale, l’ice room, l’hammam e la sauna. L’intera esperienza è stata pensata per lavorare sul benessere assoluto di corpo e mente, attingendo alle conoscenze millenarie legate al benessere che qui nel Cilento si tramandano da millenni.

All’interno del Savoy Beach Hotel brilla anche il Ristorante Tre Olivi, guidato dallo chef Giovanni Solofra. Il ristorante è il connubio ideale tra il concetto di perfezione espresso dal numero tre e l’olivo, la pianta tanto cara agli antichi fino al punto da essere considerata sacra.

Giovanni Solofra – Salvatore Pagano – Roberta Merolli

Ed è proprio questa sacra perfezione l’ispirazione attorno a cui ruota l’universo del Restaurant, dove si respira mediterraneo già a partire dalla scelta degli arredi, realizzati interamente in legno d’ulivo. Un concept così denso d’ispirazione premiato martedì 23 novembre 2021 con il riconoscimento più ambito, le due stelle Michelin, che hanno cosi consentito al ristorante di passare da zero a due stelle in soli nove mesi di attività.

 

Un mondo ricco di fascino quello che avvolge Paestum. Il Cilento, una terra che accoglie storia, arte, cultura, vino, cibo e molto altro ancora. Tutto ciò non potrà che incantare i visitatori… certi del fatto di vivere una esperienza meravigliosa, ricca di emozioni e di sensazioni uniche e indimenticabili.

 

 

Articolo a cura di Nadia Toppino

Food, Wine & Travel Journalist

 

 

Articolo precedenteTschlin, dove la tradizione è di moda
Articolo successivo“Le pieghe dell’Anima”… tra sacro e profano, i capolavori del Maestro Daniele Basso