“Il vino non si beve soltanto. Si annusa, si osserva, si gusta, si sorseggia e…se ne parla.” Edoardo VII (1841 – 1910)

La saggezza di queste parole prende corpo al Decanter, new entry nella crème del buon gusto luganese. Un locale originale, pensato con lo stile di chi sa unire eleganza e accoglienza, disegnando un ambiente raffinato e invitante in cui il comune denominatore è l’amore per il vino e per le migliori bollicine.

Un felice sposalizio tra il piacere della sana cucina e quello di un’enoteca già apprezzata da esperti sommelier, intenditori e amanti del buon bere, orchestrato dalla mano creativa di Steve, sempre in prima fila nel proporre il meglio del panorama enologico locale e internazionale.

Dal lunedì alla domenica, a partire dalle 11.00 fino a mezzanotte, il Decanter apre le sue porte per pranzi, apertivi e cene: dalle specialità mediterranee a quelle più squisitamente ticinesi, fino alle declinazioni vegetariane, il piacere della tavola è coronato dalla proposta di ottimi vini, serviti anche al calice nella deliziosa sala aperitivo che anticipa la sala ristorante.

I colori caldi e i dettagli sfiziosi dell’arredamento invitano ad accomodarsi non soltanto per un appuntamento con la buona cucina ma anche per socializzare, gustando, sorseggiando e chiacchierando. Perché, così come un vino importante ha bisogno del suo tempo per esprimere il meglio di sé, anche i pensieri chiedono lo spazio perfetto per librarsi e allacciarsi nella più autentica convivialità.

Eventi speciali animeranno le notti del Decanter sorprendendo gli ospiti con appuntamenti musicali e degustazioni, mentre durante il week end vi aspetta un ricco assortimento di affettati, sashimi e sushi. Il Decanter offre anche un efficiente servizio catering per chi non voglia rinunciare al buon gusto anche a casa propria.

Un brindisi, dunque, al Decanter! Vi aspetta a Lugano.

a cura di Paola Cerana

Articolo precedenteChioma forte e lucente? Si parte dal benessere interiore e dalla beauty routine
Articolo successivoEmergenza Covid e risposta politica