Abbiamo assistito ad una edizione scoppiettante, con valori di visitazione complessivi a +10% rispetto al periodo pre-pandemico. I visitatori esteri, provenienti da tutto il globo e in primis da Spagna, Stati Uniti e Germania, hanno riconfermato l’imprescindibilità della fiera internazionale dell’oreficeria e gioielleria di Italian Exbition Group. Un vero e proprio punto di riferimento come hub d’affari, formazione, informazione. networking e capacità di anticipare le nuove tendenze di mercato attraverso le quattro community Icon, Creation, Look e Design Room. Un salone organizzato alla perfezione che ha accolto gli operatori del settore in un’atmosfera dorata e improntata alla bellezza.

Oltre la metà delle presenze provenienti dall’estero (+51%), con ben 124 Paesi rappresentati. Questi numeri così incoraggianti sono stati un toccasana per i player del mercato, che hanno potuto lasciarsi alle spalle gli effetti economici negativi della pandemia. Più di mille gli espositori in fiera a Vicenza; riconfermata la vivacità dell’export italiano in crescita del +36,4% tra gennaio e maggio 2022 secondo le elaborazioni del Centro Studi di Confindustria Moda su dati Istat. In pole position gli Stati Uniti (+24,9% rispetto al medesimo periodo del 2021), seguiti da Svizzera (+31,4% rispetto allo stesso periodo citato sopra) e dal + 23,3% degli Emirati Arabi.

Questa edizione, il cui slogan è #allatonce, ha visto riunito anche tutto il mondo istituzionale ed associativo: da Confindustria Federorafi (Presidente Claudia Piaserico), Confartigianato Orafi (Presidente Luca Parrini), Confcommercio Federpreziosi (Presidente Giuseppe Aquilino). CNA Orafi, Confimi Industria Categoria Orafa ed Argentiera ad Assogemme, Assocoral (Presidente Vincenzo Aucella) e AFEMO (Associazione Fabbricanti Esportatori Macchinari per Oreficeria), CIBJO (Confederazione Mondiale della Gioielleria), MAECI e ICE (Presidente Carlo Ferro). Hanno partecipato figure chiave come Cyrille Vigneron, presidente e CEO di Cartier, Guido Grassi Damiani, presidente del Gruppo Damiani e di Assogemme, Gaetano Cavalieri, presidente di CIBJO.

Azzurra Cesari – Laura Astrologo Porché – Gaetano Cavalieri – Guido Grassi Damiani

Notevole successo anche per Vo Vintage, il settore dedicato all’orologeria e gioielleria vintage di pregio che ha visto aumentare l’interesse dei collezionisti e degli appassionati italiani ed internazionali.

Massimo Gismondi, CEO di Gismondi 1754 ha dichiarato: “la presenza estera per noi è stata ottima sia d’oltreoceano che dall’Europa con visite di qualità in linea con il nostro posizionamento”.

Collana Oasi one-of-a-kind Gismondi 1754

Luca Stefanini, CEO di Roberto Demeglio: “Dopo la pandemia, abbiamo registrato in fiera una completa inversione di tendenza che ha visto un notevole aumento dell’interesse del pubblico internazionale. A livello commerciale è andata molto bene, vedendo la presenza specialmente di clienti europei, ma anche dall’Australia e dall’America”.

Nico Clary, head of wholesale di Fabergé: “Per Fabergé Vicenzaoro September 2022 è stato un evento di grande successo in termini commerciali, di visitatori e di stampa, nonostante un periodo complicato sotto il profilo socioeconomico e politico. Siamo estremamente soddisfatti, perché abbiamo incontrato molti nostri partner e sviluppato nuovi contatti e relazioni da tutto il mondo, in un’edizione che è stata per noi palcoscenico per esibire il nostro objet d’art dedicato a Game of Thrones, pezzo unico al mondo presentato a Vicenzaoro per la prima volta in Europa”.

Fabergé Official the Game of the Thrones objet d’art

Giacomo Pieroni, Direttore Commerciale e co-fondatore di Rue des Mille: “È stata un’edizione decisamente positiva contraddistinta da un’ottima affluenza e da un generale ottimismo. Oltre al mercato italiano, abbiamo incontrato buyer in particolare da Stati Uniti, Israele, Estonia, Montenegro, Grecia, Spagna. In linea generale, nonostante la pandemia, il settore ha tenuto molto bene e si è riscoperto forte, così come la fiera di Vicenzaoro, in cui noi crediamo molto fin dal 2013, anno in cui abbiamo fondato il nostro brand. È la rotta giusta”.

Damiani Collier Margherita High Jewelry

E’ certo che dopo un’edizione indimenticabile come quella che si è appena conclusa il prossimo appuntamento a Vicenzaoro January dal 20 al 24 gennaio 2023 sarà foriero di nuovi importanti record e traguardi per tutta la community di settore.

Per saperne di più scopri @ Vicenza Oro

 

Articolo a cura di  Laura Astrologo Porché

Instagram: @journaldesbijoux

 

 

 

 

 

 

 

 

Articolo precedente“C’è tutto un trucco…”
Articolo successivoVoilà Cesarina, il nuovo libro di Cesarina Ferruzzi