Una serata speciale, magica, tutta al femminile ma non solo. Il WICA Women in Cinema Award che si è svolto il 7 settembre presso l’hotel Excelsior al Lido di Venezia è stato un vero successo. Nato da un’idea di Angela Prudenzi, Claudia Conte e Cristina Scognamillo, si avvale di un’Academy di giornaliste appassionate di cinema e questioni femminili.

Questo Premio ha una valenza particolare all’interno del Festival nel sostenere e dare visibilità alle donne e anche a portare speranza nei confronti delle nostre sorelle più fragili. La voce di questa terza edizione, quindi, è stata quella delle donne afghane che in questo momento storico stanno vivendo una tragedia.

“È importante che tutti i Paesi capiscano qual è la situazione reale in Afghanistan. I talebani non mostrano la loro faccia reale, siamo in pericolo costante. Dovete aiutarci. – Ha detto Zahra Ahmadi, imprenditrice e attivista afghana per i diritti delle donne arrivata da Kabul, grazie alla mobilitazione voluta dal fratello Hamed -.  Sono una voce di chi non ha voce, i talebani sono assassini della nostra speranza, assassini della nostra anima, non c’è nessuno spazio per legittimarli”.

Le fa eco anche Shahrbanoo Sadat, giovane scrittrice e regista: “Non lasciateci sole. Lo chiedo come artista e come donna, in Afghanistan non ci è più concesso di esprimerci e le nostre vite sono costantemente in pericolo. I talebani sono terroristi, è bene che sia chiaro a tutti”.

La cerimonia di premiazione è stata presentata da una strepitosa Claudia Conte che ha conferito i premi alla stilista Alberta Ferretti, alla regista ed autrice Jasmila Zbanic, sempre in prima linea nel raccontare storie forti, a Marta Donzelli, produttrice e presidente del Centro Sperimentale di Cinematografia, all’attrice franco-belga Virginie Efira, alla scrittrice, Nadia Terranova, i cui libri sono tradotti in tutto il mondo.

Infine, è stato premiato anche il giornalista Silvio Danese autore di “Intervista alla sposa”, un intenso romanzo incentrato sul tema della violenza sulle donne.

Mentre la giovane e talentuosa regista Alice Filippi ha ricevuto il premio per la miglior regia per “Sul più bello” dell’Italian Contemporary Film Festival di Toronto (ICFF), partner culturale di WiCA. Il Premio Wica è stato onorato della presenza del Direttore della Biennale del Cinema Alberto Barbera.

I premi di Woman in Cinema Award sono rappresentati da un’opera realizzata dal maestro orafo Michele Affidato, formata da una base in cristallo con bassorilievo in argento dipinto con smalti a fuoco mentre Il logo di WiCA è stato ideato e realizzato da Giuseppe Cacace, alias Rueto.Women in Cinema Award gode del patrocinio del Ministero della Cultura.

Dopo la premiazione si è svolta una bellissima cena di gala presenti importanti ospiti italiani ed internazionali quali Paul Golini e Ana Golja, la cantante Adrienne Lau,  Pier Luigi Verbo di KPMG, Lodovico Mazzolin Direttore Generale Istituto per il Credito sportivo, Davide e Katia Maule che per l’occasione hanno adornato con i loro gioielli la bravissima Claudia Conte e Lara Lorenzini, manager della Yuzen Beauty che  ha omaggiato i presenti di ottime creme.

WICA approderà alla Festa del Cinema di Roma con una nuova entusiasmante edizione che si svolgerà nella seconda metà di ottobre 2021 presso l’Auditorium Parco della Musica. Arrivederci quindi a Roma!

Articolo a cura di Laura Astrologo Porché

Instagram: @journaldesbijoux

Articolo precedenteA Milano l’Alta Cucina Veneta da DanielCanzian Ristorante
Articolo successivoFerrari F50… La Formula Uno del lusso