Azioni anti corona Virus nell’alta ristorazione – Per fronteggiare la psicosi da coronavirus, ma anche le ordinanze che hanno imposto chiusure e limitazioni a scopo cautelativo, un ristoratore ha deciso di portare il menù del suo ristorante a casa dei clienti. Non è nulla di nuovo sentire parlare di take away, è una novità parlarne nella ristorazione di alto livello, dove è corretto introdurre la parte gourmet.

Il Take-Away Gourmet – E’ quello che a Monza ha messo a punto in questo periodo il ristorante Il Moro, specializzato in cucina di pesce, sapori siciliani completamente rivisitati in ottica lusso, alto livello, creatività e stile, senza tralasciare il punto fermo del sapore e della materia prima eccellente. Ogni crisi porta a nuove opportunità, soprattutto se la mente imprenditoriale è attenta e sveglia. E per reagire all’emergenza ci si inventa un nuovo servizio.

E se il classico “take away” mal si abbina alla ristorazione di alto livello, ecco che ci si inventa un servizio ad hoc. I fratelli Butticè, esempio di questa imprenditorialità ristorativa attenta alle esigenze e desiderosa di reagire al momento di crisi, non hanno voluto abbandonare il loro lavoro e nemmeno la loro clientela. Hanno deciso di creare un servizio di consegna dei piatti a domicilio, con piatti selezionati in modo da renderli adatti al trasporto effettuato direttamente dal personale del ristorante.

Soddisfatto Vincenzo Butticè spiega in poche parole il suo messaggio “I clienti non possono uscire di casa, noi non possiamo tenere aperti. Perfetto! Prepariamo i piatti e li portiamo da loro”. Il classico “delivery” di pizza, sushi, pokè qui non è contemplato! Si tratta di prelibatezze tipo ‘carpaccio di branzino e passion fruit’ o ‘Risotto al tartufo e gamberi rossi di sicilia” o “Insalata di astice”. Un menù reinventato e ideato proprio per questo servizio, pensato per preservare la massima qualità del piatto e per rinvenirlo a casa con un piccolo cartoncino esplicativo per piatto.

Ogni giorno viene proposto un piatto unico del giorno, e una carta completa dagli antipasti ai dolci. Tra le entrèe le ostriche, la tartare di tonno e ananas, la degustazione di crudo o il più classico polpo e patate (anche se nella versione de Il Moro non si parla mai di classico!). I primi riprendono alcuni dei piatti a cui la clientela più affezionata di questo ristorante non riesce e non vuole rinunciare: i paccheri all’astice o ai gamberi e pistacchio (grandi sapori siciliani) e i fusilli con frutti di mare e bottarga di muggine.

I piatti centrali spaziano dal pescato del giorno alla zuppa di mare e tagliolini, alla grandiosa cotoletta di vitello alla milanese, quella tradizionale, con l’osso, servita a casa nella teglia, con limone annesso! Non mancano nemmeno i contorni e i dolci, dal siciliano cannolo, in versione Il Moro, tra lo scomposto e il creativo, e il tiramisù. Possibile ordinare anche il vino, facendosi consigliare dall’esperta di sala, Antonella Butticè, la soprella dei due “uomini di cucina”, l’abbinamento migliore. Insomma una tra le storie belle da raccontare in questo periodo, in cui la ristorazione, anche di alto e altissimo livello sta subendo gravi danni.

Ma a noi piace raccontare le storie di cibo entusiasmanti, quelle che trasmettono positività e grande professionalità, perché di questo il mondo della cucina in questo momento ha grande necessità. E infatti dopo questa idea, altri chef di alto livello hanno seguito l’esempio e sono nati servizi di consegna a domicilio di cene “da mille e una notte”!

Il Moro Restaurant Via Parravicini, 44 – Monza (MB)

For Info: +39 039 327899 – info@ilmororistorante.it

a cura di Nadia Toppino – Storie di Cibo

 

Articolo precedenteLo Chef Carlo Cracco: con “Fresco & Delivery”… Si Riparte
Articolo successivoIlaria Pininfarina: La Naturopatia è il segreto per vivere meglio e a lungo