Il mio retaggio classico mi ha fatto pensare immediatamente all’antico motto latino virtute et armis, che significa “con il valore e la forza delle armi”. In realtà il nome di questo brand è un acronimo dei nomi dei fondatori di questo marchio originario di Valenza, un comune italiano in Piemonte, importantissimo centro per la lavorazione artigianale della gioielleria e dell’oro. Si tratta di Arianna, social media manager, Michele, Maestro orafo e direttore creativo, Stefania, addetta al commerciale e Silvia. Questo marchio, in cui l’elemento femminile è preponderante, è nato nel 2020 proprio in un tempo così incerto come quello che stiamo vivendo in seguito alla pandemia da Covid. Come i quattro moschettieri – e qui mi viene da pensare anche ad Aramis – i fondatori hanno unito le forze e hanno dato vita con energia e spirito combattivo ad una collezione giovane, colorata ed allegra che trasmette positività. Persone di età diverse, con competenze differenti ma con in comune una grande passione per l’alta gioielleria italiana. Punto focale delle realizzazioni di Armiss è l’esaltazione del colore in tutte le sue sfaccettature e significati profondi: il colore come sinfonia, armonia, luce e perché no – anche come rivelatore e propulsore della personalità di chi indossa questi gioielli così pieni di vita e cromatismo.

Bracciale e anello Collezione Cosmos
Collier con pendente collezione Cosmos
Anello Collezione Cosmos

La collezione Cosmos si ispira a un fiore dai petali sinuosi ed è declinata in molte interpretazioni e tonalità differenti. Cosmos vuol dire anche armonia in greco antico e si ricollega idealmente al ritmo della natura e alle sue forme perfette. Questa linea è stata concepita con un meccanismo reversibile che rivela un lato prezioso a full pavé. Il tutto in oro 18 carati, smalti colorati, impreziositi dal gioco dei diamanti. I gioielli di questa collezione sono estremamente raffinati ma allo stesso tempo ideali per una donna emancipata che può indossarli tutti i giorni, grazie alla moderna concezione che è alla base della poetica di Armiss.

Collezione Frida

Questi anelli un po’ minimalisti ma ricchi di fantasia grazie alle pietre colorate possono essere indossati singolarmente oppure a gruppi, dando così vita ad un’iridescenza di grande effetto. Il nome Frida in sé evoca la mitica Frida Kahlo, pittrice messicana, simbolo della libertà e dell’indipendenza femminile. Questa collezione vuole in qualche modo ispirarsi alla vivacità e all’anticonformismo del personaggio di cui porta il nome, trasmettendoci la magia dei colori e delle forme pure ed armoniose.

Collezione Lavica

Il leitmotiv del colore diventa fuoco e fiamme nella collezione Lavica. La passione sprigiona la sua forza e ci trasporta in un paesaggio antico dominato dalla possanza del vulcano. La natura è anche potenza e questa collezione vuole rendere omaggio alla forza primigenia che scaturisce dalla lava e dai lapilli. Sono gioielli dai forti contrasti cromatici, che esaltano tutti gli elementi: fuoco, ghiaccio, terra e cielo. L’effetto lava è di indubbia maestria così come gli accostamenti di zaffiri arancioni e diamanti bianchi.

Anello Oval con zaffiri blu e una doppia pietra rotonda in calcedonio e madreperla
Anello Lavica Round

Gemino come gemelli. Questo anello è stato ideato per essere indossato singolo o doppio grazie al suo particolare meccanismo che permette la scissione oppure l’unione delle due parti. E’ un anello di sicuro effetto molto modaiolo.

Gemino Ring

Ho domandato a Stefania, addetta al commerciale, a quale tipo di donna si rivolge Armiss: “Una donna moderna, indipendente che lavora ed ha bisogno di gioielli pratici, ma anche versatili. Amo definire il nostro brand come la sneaker del gioiello”.

Concludo questo excursus su Armiss, che spero abbia suscitato la curiosità dei lettori (si può approfondirne la conoscenza direttamente sul sito), citando un aforisma di Frida Kahlo che ritengo rispecchi bene l’essenza di questo marchio: “La rivoluzione è l’armonia della forma e del colore e tutto esiste e si muove sotto una sola legge: la vita”.

Per saperne di più @ Armiss Gioielli 

Articolo a cura di Laura Astrologo Porché

Instagram: @journaldesbijoux

Articolo precedenteBuon compleanno Berlucchi. E sono 60!
Articolo successivoIl mondo incantato di Charlotte Monde