Stilista di gioielli eclettici conosciuta a livello internazionale, Marina Corazziari è anche scenografa e curatrice di mostre ed eventi prestigiosi. Nell’ultima edizione di luglio di AltaRoma, le sue creazioni ispirate al mediterraneo multiculturale hanno sfilato per il “Margutta Creative District” nella storica via degli artisti, trasformata per l’occasione in una magica passerella. Della stessa AltaRoma, ha inaugurato l’edizione invernale di tre anni prima con una mostra-installazione delle sue creazioni gioiello, di cui ha curato la direzione artistica in Piazza Navona, intitolata “Marina Corazziari 30 anni di Gioielli Scultura” e che ha avuto come madrina Anna Fendi per celebrare la sua carriera artistica.

Il modello proposto ha qualcosa di inimitabile: è un mix tra cultura, arte, artigianato, creatività e abilità manifatturiera. E’ il connubio che le altre produzioni invidiano al Made in Italy, diventato anche per questo sinonimo di moda e lusso.

Si tratta di bijoux dal sapore etnico, che strizzano l’occhio all’opulenza barocca ed al simbolismo bizantino, conservando quell’allure antica per effetto della lavorazione del metallo, per sorreggere pietre come il corallo, il topazio, il turchese e la madreperla.

Rubano la luce dell’oro ai mosaici ravennati, la brillantezza dei colori alla corona del Sacro Romano Impero, la vanità alle ricche matrone dell’Antica Roma e non temono di mostrarsi in tutta la loro regalità. Non mancano all’appello le ricostruzioni di gioielli d’epoca, dove i collarini da gran dama di corte ed i cammei spadroneggiano in tutto il loro sfarzo.

Nelle tre ultime edizioni di AltaRoma ha creato intere collezioni di gioielli dallo stile eclettico per l’icona dell’Haute Couture Raffaella Curiel, successivamente esposti a Roma presso lo Spazio Margutta: design occidentale e bagliori d’oriente si incontrano nei suoi preziosi monili, gli astratti simbolismi bizantini e le tessiture a intreccio si fondono con elegante maestria nei suoi gioielli.

Intere parure realizzate con coralli in tutte le gradazioni, dal rosa chiaro all’arancio al rosso scuro, sassi di turchese grezzo, acquemarine e giade, ambre e madreperle incastonate in lastre d’argento e d’oro, attraverso un viaggio nel tempo in luoghi immaginari.  Antichi talismani, pendagli in argento antico brunito, objet trouvé, fiori e farfalle, rivisitati per essere indossati da una donna dalla forte personalità.

Per saperne di piu’ @ Marina Corazziari

a cura di Claudia Chiari

Articolo precedenteCarmelo Spina conferma: E’ solo “questione di ossigeno”
Articolo successivoBenessere…… o meglio essere-bene