Le grandi realtà hanno da sempre un denominatore comune… Il Sogno. Quando chiesero a Walt Disney come fosse riuscito a creare il suo impero, lui rispose con grande serenità: “Se puoi sognarlo, puoi farlo. Ricordatevi sempre che questa mia intera avventura è partita da un topolino.” Non importa quale sia il campo in cui si vuole riuscire, ma quanto radicata sia la volontà di realizzarlo. Come Walt Disney e tanti grandi personaggi, questa realtà che oggi presentiamo, nasce dal sogno di due giovani brillanti, colti, con un ricco know-know ma sopratutto con un grande sogno nel cassetto che sono riusciti a realizzare.

Emanuela ed Alessandro, architetto lei e ingegnere meccanico lui, entrambi laureati al Politecnico di Milano, hanno dato vita nel 2022 a questo nuovo brand:Lebanto. Il tutto inizia quando Emanuela ed Alessandro ritornano da un lungo periodo lavorativo in Giappone e guardano l’Italia con occhi completamente diversi, pensando a quanta meraviglia del nostro Bel Paese viene data per scontata. E’ cosi che inizia a prender forma il sogno di dare valore ai tanti talenti più nascosti che il nostro paese offre. Ed ecco prender vita Lebanto, prestigiosa realtà che crea mobili 100% Made in Italy di altissimo design avvalendosi di pregiati artigiani che realizzano ogni pezzo come un capolavoro unico in quanto realizzato dalle loro sapienti mani artigiane…cosi come avveniva nelle botteghe di una volta.

Le collezioni Lebanto nascono dal mix semplicemente perfetto dato dall’unione tra passato e presente, indagando le linee e le forme utilizzate dai grandi maestri italiani e accostandole al colore e agli interni di oggi. Una pregevole reinterpretazione contemporanea dei mobili di una volta, realizzati a mano in bottega e pensati in una visione “timeless”. Lebanto nasce ponderando il suo status aziendale su tre punti cardine: offrire mobili fatti a mano – disegn creato da giovani designer – consegna a casa del cliente direttamente dal laboratorio artigiano. Geometrie semplici, forme pure e stile senza tempo che mette al centro le persone e l’ambiente. Materiali di qualità che durano nel tempo, produzioni locali in bottega e in modo make-to-order. Di notevole pregio e rilievo, inoltre, la scelta di collaborazioni con startup green-tech. Tutti aspetti di un business assolutamente in contro tendenza rispetto al trend del fast-arredo di oggi.

Una collezione per il soggiorno pensata per dare nuova vita a mobili di un tempo, ormai in disuso, come la madia della nonna, che accostata al telefono è stata trasformata in una comoda seduta, o il mobile bar, rivisitato in un moderno mobile bar dalle linee pure e accattivanti.

Ispirazione dalla bellezza italiana che si traduce nella ricerca e nell’unione di molteplici materiali, esaltata anche nei tavolini a sezione esagonale e nella consolle dove, la struttura in legno, è impreziosita da marmi, metalli satinati e specchi. Una nuova eleganza informale che urla colore.

Poniamo alcune domande ad Alessandro e Emanuela, certi del fatto che nessuno meglio di loro può essere in grado di raccontare questa splendida realtà da loro creata.

Alessandro Pozzi, Ingegnere dedito al suo sogno e manager del proprio business. Quale la vision e la mission del brand Lebanto?

La nostra storia nasce dall’amore verso l’Italia. Italia come terra di invenzioni, di estro, di bellezza e di arte. Vogliamo promuovere il made in Italy di qualità, quello vero, fatto dai piccoli produttori, dalle piccole botteghe. Vogliamo far si che il valore della tradizione, del saper fare di una volta tramandato di padre in figlio nel nostro Paese non vada perso, ma che riacquisti notorietà e prestigio per i quali da sempre ci siamo contraddistinti nel mondo. In Lebanto abbiamo la missione di offrire arredi fatti a mano come una volta, disegnati da giovani designer, consegnati a casa del cliente direttamente dalla bottega dell’artigiano. Seguiamo tutto il processo quindi dal disegno alla consegna finale, mettendo al centro del progetto la bottega.

Un progetto che fa del design e della qualità dei materiali i suoi punti di forza in un mercato sempre più “aggressivo”. Come si proietta nel mercato il vostro giovane e ambizioso brand?

Sicuramente il design è un elemento che ci contraddistingue. In Lebanto abbiamo scelto linee geometriche, colori ricercati e stile senza tempo; tutti aspetti che contraddistinguono la prima collezione e che verranno riproposti facendo da filo conduttore anche per i prodotti futuri. Lebanto però non è solo design. Il nostro modello di business pone le sue fondamenta sulla filiera corta, sia produttiva che distributiva, utilizzando il modello D2C (direct to customer) e producendo in modalità make to order. Offriamo quindi i nostri prodotti al cliente in maniera diretta, escludendo intermediari, agenti e rivenditori. Questo permette di avere un prezzo che non include i consueti mark-up del settore e che rappresenta solo la qualità del prodotto, senza gli innumerevoli sovrapprezzi dovuti ai vari passaggi nella catena. Vogliamo inoltre che il processo di acquisto sia semplice. A questo scopo abbiamo creato una piattaforma online che permette ai clienti finali di tutto il mondo di acquistare mobili direttamente dalle botteghe artigianali in maniera 100% digitale. Abbiamo integrato poi la tecnologia come supporto alla scelta per il cliente, utilizzando la realtà aumentata per visualizzare virtualmente il mobile nel proprio ambiente, mettendo a disposizione consulenze virtuali con i nostri designer e, dall’anno prossimo, inserendo anche una parte legata all’intelligenza artificiale.

Design e creatività come massima espressione del risultato. Quale il punto di partenza che ispira ogni creazione realizzata da Emanuela Terraneo?

Il mio essere Italiana è un punto chiave che influenza molto la direzione creativa che voglio dare al brand. In generale prendo ispirazione da tutto ciò che mi circonda: dai profumi, dai colori della natura, dai palazzi, dall’arte e dal cibo. Considero l’Italia come un paese molto ricco e vario in termini di paesaggi, natura, architettura e persone. Queste osservazioni le tramuto in scelte di texture, colori, finiture e materiali che rimandino a queste fonti di ispirazioni. Voglio quindi far assaporare l’ Italia a chi magari è distante, condividendo la bellezza e la particolarità del Bel Paese attraverso un mobile o una scelta grafica sui social. Per citare un esempio, i dettagli a specchio, presenti su tutti i pezzi della prima collezione di Lebanto sviluppata dal designer Eugenio Gelao, vogliono ricordare il gioco di luci ed ombre che si genera attraverso le colonne dei portici di Torino.

Un pregevole bagaglio di esperienze internazionale che la ha poi riportata in Italia. Filosofia firmata made in italy con una produzione 100% nel Bel Paese. Quanto è per lei importante tutto ciò e come fate si che cio sia possibile?

Aver vissuto anni in Giappone mi ha permesso di apprezzare tutto ciò che viene fatto con cura, dedizione e con forte attenzione ai dettagli. In Giappone tutto è dettato da una ritualità e questo permette di avere il giusto tempo per apprezzare il valore di ogni cosa. Esperienze queste che mi hanno permesso di vedere l’Italia con occhi diversi al mio rientro, riconoscendo il fatto che tutto ciò che avevo imparato in Giappone lo ritrovavo nel lavoro artigiano. In bottega infatti ogni oggetto viene realizzato con i giusti tempi e con regole ferree tramandate da generazioni. Questo metodo di produrre è per noi un fattore di rilevanza assoluta. Lebanto non produce in maniera industriale centinaia di mobili al giorno, riempiendo camion e magazzini, e rischiando di dover smaltire nell’ambiente parte della produzione se non acquistata dai clienti.

Viceversa noi produciamo in bottega con materiali e tecniche di qualità, impiegando i giusti tempi, e iniziamo solo quando il cliente ci ordina un prodotto. Siamo certi, così facendo, di non dover mai smaltire nell’ambiente un prodotto finito, e che tutto ciò che produciamo sarà durevole nel tempo e ben fatto. Certo, il cliente deve aspettare qualche settimana per ricevere a casa un prodotto Lebanto, ma crediamo che ne valga la pena nel rispetto dell’ambiente e delle persone.

La collezione è disponibile sulla piattaforma online Lebanto, che mette in contatto le botteghe artigiane della Brianza con i clienti finali di tutto il mondo, consentendo a chiunque di interagire e acquistare i prodotti in modalità 100% digitale ad un prezzo che rappresenta cosi solo la qualità del prodotto, senza gli innumerevoli sovrapprezzi dovuti ai vari passaggi della filiera.

Non ci resta che consigliarvi, per chi vuol avere il piacere di poter toccare con mano le creazioni firmate Lebanto, di visitare (fino a fine Dicembre) il pop-up store in Via Borgo Vico, 82 – 22100 Como. A team of professionals will be happy to welcome you and present the brand’s creations.

Per saperne di più @ lebanto.com

Mail: hello@lebanto.com

IG: @lebanto_official

 

Articolo a cura di Massimo Basile

Direttore Editoriale  

Celebre Magazine World

Luxury Investment Magazine

Rinascimento Magazine

 

Articolo precedenteMuseum of Dreamers, lo spazio-pop Milanese dedicato ai sogni
Articolo successivoLa scuola Italiana del Car Design, elogio alla semplicità