L’oro è stata la merce con i prezzi in aumento più alti durante la prima metà del 2020. Solo le obbligazioni del Tesoro USA, nel campo delle classi di attività finanziarie, hanno avvicinato la sua performance, anche se con un ritmo più lento. Ciò nonostante, molte attività finanziarie hanno recuperato dopo il primo trimestre, ma il prezzo dell’oro non è stato influenzato da questi eventi, mantenendo i suoi valori e, più, una tendenza in crescita intorno a 2000$ ozt (oncia troy 31,1034768 grammi).

Di solito, l’oro si comporta in anticiclicamente quando le attività finanziarie sono sotto pressione, come investimento difensivo. Sotto la pandemia COVID-19 il comportamento delle due classi era diverso poiché si muovevano con una correlazione positiva, dopo le prime due settimane divergenti di marzo.

L’oro è una merce unica con molte funzioni, come materia prima industriale, come riserva valutaria e come attività speculativa, mossa principalmente da paesi in cui sono localizzate le miniere.

Come materia prima, il suo uso è storicamente in diminuzione. Un esempio per la mia generazione: i gioielli di mia nonna erano pieni d’oro con un valore aggiunto limitato generato dagli artigiano, quelli di mia madre contenevano meno oro e più valore aggiunto, quelli di mia moglie contengono meno oro e una quantità significativa di lavoro degli artigiani. Nel complesso, l’uso del materiale in gioielleria non è in realtà determinante nella creazione di quotazioni attuali, mentre in passato ha contribuito alla stabilizzazione della domanda. Lo stesso è accaduto nelle industrie di medaglie, trofei, ortodonzia e componenti elettrici (l’oro è un conduttore perfetto con alta resistenza).

Nel campo delle riserve, i dati mostrano una stabilizzazione in diversi paesi e alcuni di questi hanno utilizzato l’oro come fonte in grado di correggere gli squilibri nei saldi commerciali e finanziari dei pagamenti, in particolare per i paesi con estrazione costante di oro grezzo dalle loro miniere, spesso venditori di quantità volatili con un impatto significativo sui prezzi di mercato. Paesi come la Russia e il Sudafrica sono i due più coinvolti.

Nell’area dei movimenti speculativi, le statistiche mostrano i movimenti più consistenti non ostacolati da altri segmenti. Questa condizione motiva la crescente volatilità dei prezzi nell’ultimo trimestre e il declino della merce come ancoraggio durante scenari instabili.

Un altro punto interessante dell’analisi è offerto dal comportamento in passato della mia azienda di famiglia, dove mio padre era un acquirente di lingotti da 12,5 chili d’oro nel mercato dei lingotti per usi industriali (400ozt ciascuno, 802.000$ a prezzi correnti). La quantità media che acquistava su base mensile è ora sufficiente per un anno e mezzo, anche se l’importo del fatturato totale è triplicato secondo la strategia di business e il modello adottati dalla nuova gestione della società. In termini di costi classificati nel conto economico, l’oro è ora la quarta voce, dopo gli stipendi (attualmente 40 dipendenti contro 150 in passato), i compensi degli artisti e gli acquisti di altre materie prime.

Un segmento interessante è ancora coperto dalla collezione di monete come un sovrano d’oro in sterline, Krugerrands (1800/2000″ come con il contenuto di 31.1034768 grammi di oro), pesos e dollari e altre valute passate o piccoli lingotti di poche once il cui prezzo è determinato dal contenuto di oro e il relativo prezzo della merce.

Solo per un’analisi più completa, potremmo considerare fondi di investimento, unit trust ed e.t.f./e.t.c., interamente o parzialmente dedicati agli investimenti in oro. Morningstar dedica una categoria della sua classificazione ai metalli stock&precious. Meno interesse è mostrato dalle azioni aurifere, un tempo una classe di attivi significativa nel portafoglio di investitori istituzionali.

L’ultimo punto di attenzione è dato dai commercianti d’oro (in Italia “Compro e Vendo Oro”, classificati come intermediari finanziari speciali, autorizzati e supervisionati dalla banca centrale, sottoposti a controlli antiriciclaggio, ma in grado di creare ampi spread di offerta/offerta che testimoniano un’asimmetria instabile nell’abbinamento tra domanda e offerta. Il segmento mostra ancora un alto fatturato degli operatori e una vita media molto breve, due indicatori della necessità di una maggiore regolamentazione (questo non significa molta regolamentazione).

Nell’ottica delle Autorità, “la Fed non può stampare oro”  è un’affermazione attuale in questi mesi, quale risposta all’impressionante quantità di denaro emesso e messo in circolazione dopo febbraio 2020. Secondo questo punto di vista, molti analisti (non tutti) prevedono un prezzo vicino a 3000 s per oncia entro la fine del 2021; l’oro è fisico, le banconote (dall’inizio del XX secolo) sono solo carta o “moneta piatta”. Al contrario, 3000$ o più potrebbe essere solo un prezzo obiettivo, letto come un suggerimento per la vendita. Tuttavia, solo il futuro ci dirà se questa è la teoria o la sequenza naturale delle risposte ai mercati mostrerà una soluzione diversa; l’economia non è normale in questi tempi!

di Giuseppe G. Santorsola
Professore Ordinario di Asset Management
Corporate Finance and Corporate & Investment Banking
Università Parthenope di Napoli

Articolo precedentePet: The Fashion’s best friends
Articolo successivoI Giovani e il Lavoro